Cerca nel blog

martedì 6 gennaio 2009

prove tecniche

Il pretesto è contestare le scelte israeliane di entrare a Gaza, dopo le provocazioni di Hamas; in realtà, da Madrid a Londra, passando per Milano e Bologna, sono le prove tecniche di islamizzazione europea che hanno altri obiettivi: colpire la civiltà occidentale e i suoi valori.

Utili idioti e nemmeno in buona fede, i massimalisti di sinistra, i centri sociali, che per una rivolta oggi, meglio se antiberlusconiana, si danno la zappa sui piedi domani.
Va bene che la piazza è un luogo laico, ma tutte le manfestazioni stanno culminando con una preghiera collettiva a sottointendere un valore religioso oltre che politico della manifestazione che, inizialmente propalestina, si trasforma a mio avviso in una prova di forza degli islamici, ad affermare la loro forza politica nel nostro paese.
Due domande:

Voi ve lo immaginate cosa succederebbe se i cattolici si mettessero a sgranare il rosario nella spianata di una moschea?
Possibile che sfugga ai più che a capitanare la protesta pro-palestina di ieri , c'era Abu Imad, già condannato per terrorismo e considerato " indesiderabile" anche dalle nazioni islamiche ?

8 commenti:

Anonimo ha detto...

Purtroppo il "buonismo" della sinistra e della stessa Chiesa Cattolica, ci stanno rapidamente portando verso una prepotente espansione del potere islamico. E se si guarda a quello che sta succedendo in Inghilterra, dove giudici poco assennati applicano la legge elasticamente solo per i musulmani, non ci vuole molto a capire che l'invasione silenziosa è già cominciata da tempo, e finchè non farà le prime vittime nessuno farà nulla.
Grazie sinistra arcobaleno, grazie D'Alema, grazie Veltroni, grazie vescovi progressisti, se i nostri figli si troveranno a combattere una guerra religiosa voluta da voi col vostro lassismo.
E grazie per avermi fatto diventare razzista, perchè con terrore mi accorgo che quando sento di morti musulmani sono contento, cosa che fa a pugni col fatto di essere un cattolico. Anche di questo quelli di cui sopra un giorno, mi auguro, dovranno rispondere.
Claudio

fioredicampo ha detto...

Vantarsi (come ha fatto il tuo commentatore) di essere razzista e di gioire per la morte di musulmani - evidentemente anche i bambini hanno colpe imperdonabili - è una bestemmia che Dio (qualora esistesse e qualora fosse "giusto") potrebbe aver voglia di punire.
A te, Nicola, un caro abbraccio.

Stefano ha detto...

Claudio tu razzista lo eri gia' e non fare il santarellino dicendo che la colpa del tuo razzismo e' degli altri... chi e' gia' cattivo dentro non puo' che peggiorare in questa societa' ma ognuno ha il dovere di migliorarsi ogni giorno anche se e' difficile.
Il problema e' che stiamo diventando tutti piu' poveri e insicuri e in questi casi (come la storia ci insegna) si cerca sempre un capo espiatorio: erano gli ebrei negli anni 30, sono gli immigrati ora. Vergognati per quello che hai scritto e chiedi scusa immediatamente, almeno a te stesso.

Anonimo ha detto...

Io almeno ho il coraggio di scrivere che sto diventando razzista e la cosa mi terrorizza e non me ne vanto, come NON ha capito Fioredicampo (spero in buonafede), ma chi mi critica non si rende conto che certe derive non sono spontanee e neanche volute, ma, parlo per me, sono provocate da un RAZZISMO AL CONTRARIO (crocefissi tolti, presepi vietati, Natale cancellato, poligamia ammessa, rispetto culturale solo per gli altri, appropriazione di strade e piazze, eccetera). Ma d'altronde si sa, certe teste benpensanti sono troppo miopi per rendersi conto che lo zelo verso certi popoli non paga, perchè la loro cultura è troppo diversa dalla nostra. Imparate cosa significa vivere in un paese islamico andandoci non da turista ma vivendolo nella quotidianità normale, non dei grandi alberghi, come ho fatto io per lavoro bazzicando tutto il medio oriente e la penisola arabica per quasi vent'anni. Poi potrete parlare e criticare a ragion veduta e non solo per ideologia laica, atea, comunista o altro! Un saluto e un augurio che il 2009 sia talmente bello ed equo per tutti da farci evitare queste discussioni poco gradevoli.
Claudio

nico ha detto...

L'idea del razzismo non mi sfiora neppure un pò.
Come cittadino resto deluso nei confronti della certezza del diritto e sopratutto sfiduciato nei confronti dell’operato della magistratura.
La manifestazione di Bologna era autorizzata, ma durante il corteo (non autorizzato) sono state bruciate delle bandiere americane e israeliane. Ci sono le registrazioni video e gli autori sono identificabilissimi.
Questomatto è punito dal nocxtro codice di procedura penale, ma la Procura di Boogna ha archiviato il caso con ilo non luogo a procedere.
Ciò dimistra per l’ennesima volta una colpevole immotivata indulgenza verso comportamenti oggettivamente eversivi.
Le motivazioni dell'archiziazione sono poi di una fantasticheria inaudita, seconde solo al caso della Reggiani che sarebbe stata uccisa perchè si è difesa troppo da uno che la stava stuprando.
.

fioredicampo ha detto...

Claudio, te ne vanti... te ne vanti...
Tu e tanti altri non fate che vantarvene del vostro razzismo e della vostra intolleranza.
E poi cosa sarebbe il razzismo al contrario, i crocefissi tolti e il natale cancellato? Sappi che io, non credente, TOLLERO i vostri crocefissi, i natali, le chiese, i preti e tutto il resto. Casomai siete voi "razzisti intolleranti" a considerarmi inferiore o immorale solo perché atea (se poi ci aggiungi comunista ecco che abbiamo fatto la frittata).
Un saluto e buon anno anche a te.

Anonimo ha detto...

Per Fioredicampo. Mi spiace che continui a dire che mi vanto di essere razzista: devo forse pensare che fai parte dei tanti razzisti al contrario, cioè verso i tuoi connazionali?? Guarda che non sono i credenti a considerare inferiori i laici bensì è sempre stato il contrario. Quanti ragazzi praticanti sono spesso presi in giro dai coetanei più "moderni" perchè vanno a messa la domenica: non è forse vero che i credenti sono definiti bigotti, di visione limitata, servi del clero ecc?? Prima di dare giudizi sarebbe bene farsi un esame di coscienza, anche se capisco dalle tue velenose parole che fai parte dei tanti "progressisti" che spazzerebbero via i "borghesi" a favore degli immigrati, possibilmente solo musulmani, buddisti o atei, evitando quelli di credo cristiano. Tafazzianamente direi che quasi quasi vorrei vedere cosa accadrebbe della cultura dell'aperto a tutti se veramente si azzerassero limitazioni e controlli all'immigrazione. Credo che tanti buonisti si ricrederebbero, ma sarebbe troppo tardi, perchè contrariamente a tante nazioni da noi non esiste più il senso della patria. Se hai seguito il discorso di insediamento di Obama spero avrai notato che il tutto si centrava sul fatto che vincenti e perdenti dovevano unirsi perchè tutti americani. E questo senso di appartenenza è vivo in tutti gli immigrati in USA, e puoi facilmente verificarlo andando a Little Italy, Harlem o Chinatown. Quanti italiani e quanti immigrati, anche se residenti da anni, comunicano questo senso di appartenenza non solo per ottenere vantaggi materiali, ma perchè si sentono parte di una comunità? Ecco, se qualche parte politica negli anni passati non avesse ridicolizzato la Patria, non quella espressa dai politici ma quella dei nostri avi e dei padri fondatori, forse questo senso di appartenenza sarebbe più sviluppato, soprattutto nei giovani, e quindi avrebbe contagiato sicuramente anche gli immigrati onesti. Purtroppo oggi la patria la scopriamo solo negli incontri internazionali di calcio!!
Claudio

fioredicampo ha detto...

@ Claudio
E' vero, l'inno nazionale lo cantano solo i calciatori, mentre qualcuno dei nostri fantasiosi ministri insulta inno e bandiera... alza il dito medio... e tutto questo ripetutamente e senza che nessuno si scandalizzi.
PS E comunque chi sarebbero i "miei" connazionali? Forse che tu non sei italiano come me?