Cerca nel blog

domenica 21 settembre 2008

La camorra non fa differenza: ma si parla di razzismo

Negli ultimi 15 anni l'immigrazione, soprattutto dall'Africa, ha totalmente cambiato la qualità della vita nella zona tra Caserta e Napoli: Castelvolturno.
La camorra, infatti, ha trovato qui la nuova manovalanza a basso costo per intensificare le sue attività nella prostituzione, nello spaccio di droga e nel capolarato e lo stato e la Chiesa ha lasciato che il tutto si ramificasse per 15 lunghi anni.
Solo la camorra decide ora chi può muoversi ed entro quali spazi sul mercato. e allora in un raid punitivo sono stati uccisi sei spacciatori africani ed è stato ammazzato anche il fratello di un affiliato ai Casalesi.
Una strage non difficile da interpretare: Quel che è certo è che i Casalesi vogliono ristabilire l'ordine e punire gli insubordinati per non rischiare di perdere quote di mercato. Questa è anche la chiave di lettura di magistrati e Polizia.
Ma, come sempre, dopo il danno arriva la beffa: alcuni immigrati, bastoni in mano, hanno frantumato le vetrine di alcuni negozi e rivoltato auto in mezzo alla strada, distruggendo i vetri di altre vetture ferme. «Vogliamo giustizia - urlavano - non è giusto che siamo noi i colpevoli solo perché è nero il colore della nostra pelle. Questo è razzismo». A un certo punto gli immigrati hanno iniziato a lanciare massi e oggetti pesanti contro la camionetta della polizia.
La protesta è proseguita nel pomeriggio: gli immigrati hanno sradicato segnali stradali gridando «italiani bastardi».
Io non ho parole, il razzismo è da sradicare e fanno bene a ricordarcelo sempre, ma non è tollerabile che ogni volta che una persona di colore sia coinvolta in malefatte si debba sempre parlare di razzismo.
In questo caso non ce lo vedo proprio, non è pensabile che la camorra li abbia uccisi perchè negri. Lo dimostrano i numerosi delitti di camorra per "punire" i disubbidienti bianchi o neri che siano.

2 commenti:

Nessie ha detto...

Ah ecco Nicola, anche tu hai il tuo blog. Sono passata a farti visita. Ormai alla sòla del razzismo ci credono solo i gonzi. A breve saremo noi in via d'estinzione. Nord, Centro e Sud Italia. Isole comprese. Ciao :-)

nicola ha detto...

X Nessie,
grazie per la visita.
Spero tanto che ci sia un serio coordinamento dei bloggers accomunati dalla lotta alle ipocrisie.
un saluto